10 consigli per rendere redditizio il dropshipping nell’era della pandemia

10 consigli per rendere redditizio il dropshipping nell’era della pandemia

Il dropshipping è un modello di business straordinario praticamente privo di rischi e con costi operativi piuttosto bassi. Tuttavia, dopo l’espandersi della pandemia a livello globale, questo modello di business si è rivelato un po’ più impegnativo. 

Con il Covid sono sorti nuovi tipi di problemi che prima non esistevano, e che derivano dal fatto che i dropshipper non hanno il controllo sulla maggior parte del processo di produzione e di spedizione. Il dropshipping rimane un ottimo modello di business, ma ci sono alcune pratiche che è bene modificare per farlo funzionare in questi tempi difficili.

Ecco, quindi, 10 consigli per rendere redditizia la tua attività di dropshipping nell’era della pandemia:

1. Intensificare gli sforzi di marketing

Durante la pandemia, ci sono stati grandi cambiamenti nelle abitudini delle persone, sempre più clienti hanno iniziato ad acquistare prodotti online e molte aziende hanno dovuto chiudere i loro negozi fisici e spostarsi verso la vendita digitale utilizzando piattaforme di e-commerce. 

Questo, se da un lato ha aumentato la competizione, ha anche dato dei grandi vantaggi a coloro che avevano già esperienze nelle vendite online e che avevano già un negozio avviato . Pertanto, dovresti intensificare la tua presenza sui social e in generale la tua presenza online perchè ti aiuterà a rimanere redditizio e ad aumentare il vantaggio che già sui nuovi imprenditori digitali.

2. Comprendere i nuovi vincoli generati dalla pandemia

Sebbene vendere online sembri la cosa migliore durante la pandemia, non è poi così facile come tutti pensano. La riduzione della mobilità, le nuove regole e controlli hanno infatti avuto importanti implicazioni sui processi di spedizioni e sulle compagnie del settore della logistica.

Allo stesso tempo, in molti paesi ci sono vincoli e limiti sugli articoli che possono essere venduti e trasportati durante l’hard lockdown. Pertanto, comprendere tutti i vincoli attorno alla tua attività di dropshipping è molto importante per la pianificazione delle operazioni.

3. Adeguati ai nuovi tempi di consegna

La pandemia ha avuto un impatto enorme sulle compagnie aeree, infatti, la limitazione al movimento personale ha causato anche una diminuzione del numero dei voli. Meno voli significa meno spazio di carico e questo ha portato ad un aumento dei costi di spedizione e ritardi nelle consegne.

Questi sono fattori che non possono essere facilmente controllati, quindi la strategia migliore è conoscerli e aggiornare continuamente i tempi di spedizione secondo le notifiche dello spedizioniere. 

Conferma che gli ordini possono essere evasi entro i tempi di consegna che hai pubblicizzato o se è necessaria una rettifica. Questo ti aiuterà a prevenire problemi e ad acquisire clienti ricorrenti, contribuendo in ultima analisi alla redditività dell’azienda. 

4. Scegli i prodotti da vendere con saggezza

La pandemia ha ridotto gli spostamenti e con essi il numero dei voli aerei in circolazione diminuendo in questo modo lo spazio di carico disponibile e di conseguenza aumentando i costi delle spedizioni.

Il prezzo di un pacco, infatti, si calcola sia sul peso che sul volume, ma in tempi normali il prezzo volumetrico viene applicato solo sugli articoli di grandi dimensioni. Ora, a causa della limitata capacità del servizio aereo, le compagnie aeree e gli spedizionieri sono sempre più severi nel controllare se un pacco abbia un volume eccessivo e hanno anche rivisto le regole per calcolare il volume dei pacchi.

Per gestire un’attività di successo, è necessario adattarsi a queste nuove condizioni e scegliere con saggezza i prodotti che si intende vendere. Questo significa scegliere prodotti che non diano troppi problemi, ovvero che non siano troppo voluminosi o troppo pesanti, per darti un parametro, prova a vendere solo prodotti sotto 1 KG e che possano entrare in una scatola da scarpe.

5. Riduci i tempi di evasione per ottenere consegne più rapide

A causa della pandemia, ci sono stati molti ritardi nelle spedizioni, quindi è normale iniziare a chiedersi cosa si possa fare per abbreviare i tempi di consegna. È quasi impossibile controllare il tempo di spedizione una volta che il pacco ha già lasciato la Cina, quello che puoi fare è abbreviare il tempo che intercorre prima che il pacco venga spedito: puoi ridurre i tempi di evasione dei tuoi ordini.

In dropshipping, normalmente si acquista un prodotto solo dopo aver ricevuto un ordine, per questo motivo dal momento in cui si invia l’ordine al fornitore alla partenza effettiva del tuo pacco passano alcuni giorni che servono per procurare il prodotto, preparare il pacco e consegnarlo alla compagnia di spedizioni. 

Con Yakkyofy, se acquisti in anticipo un piccolo stock di prodotti (anche 10 o 50 pezzi) puoi ottenere uno sconto sul prezzo del singolo prodotto e conservarli gratuitamente nel nostro magazzino di Shenzhen, riducendo, in questo modo, il tempo di evasione dei tuoi ordini da 5 a 1 solo giorno lavorativo.

Questo è possibile perchè quando Yakkyofy riceve un ordine per un prodotto già nel nostro magazzino, non dobbiamo più aspettare che il fornitore ci spedisca l’articolo, ma possiamo inviare l’ordine direttamente al tuo cliente finale e in questo modo abbreviare i tempi di evasione.

6. Valuta le abitudini di spesa degli utenti durante la pandemia 

Durante la pandemia, alcuni articoli sono diventati molto richiesti mentre altri sono diventati meno pratici. Pertanto ti consigliamo di adattare la tua offerta alle nuove richieste del mercato. Richieste che sono molto cambiate dopo l’avvento del Covid-19. 

Alcuni articoli hanno iniziato a vendere più di altri. Ad esempio, pentole e oggetti per cucinare, giocattoli, attrezzi da palestra e altri oggetti che possono essere utilizzati quando si è in casa hanno iniziato a essere molto richiesti e hanno aumentato le proprie vendite significativamente. Il nostro consiglio quindi è di analizzare la tua nicchia e scoprire quali siano i prodotti del tuo settore più adatti ad essere usati dentro casa o in tempo di pandemia.

7. Condurre un’analisi della concorrenza

Valutare le mosse fatte dai concorrenti può aiutarti a ottenere maggiori informazioni su ciò che potrebbe funzionare meglio durante la pandemia. Avvantaggiati delle  ricerche di mercato che hanno già fatto i tuoi competitor, per trovare prodotti e metodi di vendita che magari a te sono sfuggiti.

Questi schemi potrebbero adattarsi bene ai processi che hai già in atto. Pertanto, assicurati di controllare la concorrenza prima di apportare modifiche drastiche poiché è possibile ottenere alcune informazioni utili.

8. Assicurati che l’interfaccia utente / UX sia perfetta

La UX è diventata essenziale per avere successo nelle vendite online, quindi accertati che la tua sia impeccabile. Poiché i clienti trascorrono più tempo a casa, potrebbero iniziare a esaminare tutti gli aspetti del sito, anche quelli che in precedenza trascuravano perché magari lo visitavano di fretta mentre si affrettavano ad andare in ufficio.

Proprio perchè la durata media delle visite sui negozio online si è allungata è sempre più importante migliorare la propria User Experience cercando di realizzare un design facile da usare, mobile friendly e che non generi troppe distrazioni.

9. Ottimizza il funnel di vendita

Il percorso che un cliente deve compiere per concludere un acquisto influisce notevolmente sull’esperienza del cliente. Per fornire un’ottima esperienza al cliente, è necessario ottimizzare il funnel di vendita che hai utilizzato fino ad ora per soddisfare le esigenze attuali. 

Ad esempio, potresti scegliere di concentrarti maggiormente sui social media o sugli annunci, a seconda del canale che genera più conversioni in tempo di pandemia. Inoltre, considera altri elementi dell’funnel, come, ad esempio, ridurre al minimo i passaggi che i clienti eseguono per effettuare un acquisto.

10. Servizio clienti impeccabile

La positività in tempi come questi è molto importante per rassicurare i clienti e per convincerli che anche quando c’è un imprevisto alla fine possono fidarsi del tuo negozio e che il loro prodotto sarà recapitato. 

Anche quando le cose sono difficili per te, non fare dei tuoi problemi quelli dei clienti e tenta di essere sempre paziente e accomodante. Questo ti darà sicuramente ottimi risultati in caso di problemi dovuti a nuovi lockdown, ritardi sulle spedizioni o altri imprevisti impossibili da prevedere. 

Rendi il tuo business in dropshipping redditizio durante la Pandemia con Yakkyofy

Speriamo veramente che tu possa prendere in considerazione questi consigli perchè riteniamo che siano la chiave per continuare a vendere in dropshipping anche in periodo Covid. La pandemia ha colpito duramente quasi tutti i settori, ma avendo alcune accortezze è possibile gestire un’attività redditizia indipendentemente da ciò che sta accadendo. Ricordati di rimanere sempre positivo e di fornire il miglior servizio clienti  possibile, aggiorna continuamente i tempi di spedizione e acquista in anticipo le piccoli stock di prodotti per ridurre i tempi di consegna dei tuoi ordini.

Ovviamente per fare tutto questo hai bisogno di un partner affidabile e noi di Yakkyofy, siamo pronti a sostenerti durante questo terribile periodo offrendoti prodotti a prezzi B2B, anche brandizzati con il tuo logo se necessario, spedendo i tuoi ordini in buste e pacchi personalizzati, aggiornandoti costantemente sui tempi di spedizione e offrendoti spazio gratuito nel nostro magazzino a Shenzhen per tenere i tuoi stock senza chiederti nessun costo aggiuntivo.

Che stai aspettando? Registra subito un account gratuito su Yakkyofy.

ISCRIVITI SUBITO

Vuoi comprare uno stock con Yakkyofy per abbreviare il tempo di evasione dei tuoi ordini. Ecco un video tutorial che ti spiega come farlo.

dropshipping redditizioBio Autore

Leon Collier è uno redattore di giornali universitari nel Regno Unito e attualmente lavora per un’importante servizio di saggi universitari. Oltre ai saggi, ha una straordinaria conoscenza della scrittura di tesi e dissertazioni e condivide la sua saggezza con autori ed editori in erba attraverso il suo blog. Seguitelo su Twitter @ LeonCollier12.