Come fare soldi online con il Dropshipping: ecco i calcoli da fare

Come fare soldi online con il Dropshipping: ecco i calcoli da fare

Come fare soldi online è il cruccio di molte persone. Se stai cercando un modo per fare soldi online e hai letto di dropshipping, Bè il dropshipping è sicuramente un business reale che può portare a risultati straordinari e non uno scam, come molti dei metodi che girano sul web e pubblicizzano ricchezza facile e veloce.

Negli ultimi anni, poi, grazie alla nascita di software e app, fare soldi online con un business in dropshipping è diventato molto più semplice di prima: molte persone lo usano per realizzare un secondo stipendio, altri i più bravi riescono addirittura a viverci e a viverci bene.

Un business in dropshipping consiste semplicemente nel collegare fornitori a nuovi clienti in cambio di un profitto. Costruisci il tuo sito web, trova prodotti che ritieni di poter pubblicizzare bene e fa in modo che i produttori possano spedire tali prodotti direttamente ai nuovi clienti che porti. Puoi vendere i prodotti che ti appassionano senza doverli produrre da solo o mantenere un magazzino.

Facile no? Il mondo dell’eCommerce oggi è più accessibile che mai!

Se stai pensando di aprire uno store, però, non lasciarti ingannare dalle star dei social media che si vantano del loro guadagni facili. Come al solito chi non risica non rosica e quindi per avviare un’attività c’è bisogno di impegno e di un investimento iniziale. Non di molto, bada bene, ma alcuni costi ci sono. Continua a leggere per conoscere tutti i costi che dovrai affrontare e come fare soldi online con il dropshipping.

Crea il tuo negozio online

Tecnicamente, potresti creare un negozio in dropshipping anche gratuitamente, ma non ti porterebbe molto lontano. I negozi gratuiti ti consentono solo un piccolo numero di ordini al mese per un periodo di prova prestabilito, inoltre normalmente ti permettono solo un design semplificato e non ti danno accesso a tutti i servizi offerti.

Quindi il tuo sito web durerà solo quanto le prove gratuite offerte sul software di cui hai bisogno e la tua vita sarà molto più complicata perché non avrai accesso alla maggior parte delle app o ai plug in di cui hai bisogno.

Se poi hai capacità di sviluppo potresti creare un sito da solo, ma in questo caso, non avresti accesso a tutte le app e i plug in messi a disposizioni da piattaforme come WordPress o Shopify che ti aiutano ad automatizzare la gestione del tuo store.

In altre parole, non esiste un modo per eseguire un’attività di dropshipping legittima che duri più di un mese senza investire del denaro.

Ecco una breve analisi di ciò che spenderete prima che il vostro primo cliente faccia persino un ordine:

Acquisto di un URL e sito di hosting

Siamo tutti d’accordo che i nomi di dominio gratuiti con “.HostingName “nell’URL non danno molta fiducia specialmente a chi deve acquistare sul vostro sito. È, quindi, importante investire per acquistare i diritti sul proprio nome di dominio univoco, non è una grande cifra, infatti puoi avere un URL personalizzato con meno di $ 20 da Shopify o BlueHost .

Il sito di hosting che scegli non ha molta importanza. Siti diversi offrono diversi layout già fatti o ti permettono di essere più o meno coinvolto con la codifica e la formattazione del tuo sito a seconda delle tue capacità. Shopify è una delle opzioni più popolari nel mondo del dropshipping, primo perché ha una struttura eCommerce già predefinita, poi perché ha pagamenti integrati e varie app che ti potranno aiutare nella gestione del tuo store.

Dropshipping App

Invece di contattare il tuo fornitore in Cina ogni volta che ricevi un ordine puoi gestire il tuo store con l’utilizzo di un software che colleghi facilmente il tuo negozio ai produttori.

Ad esempio, Yakkyofy, è una web app che ti consente di importare prodotti dal suo catalogo direttamente sul tuo store, di iniziare subito a pubblicizzarli e di automatizzare l’invio degli ordini così realizzati.

Per utilizzare software come questo, è necessario disporre di un account a pagamento su CMS come Shopify, quindi è necessario un investimento iniziale, tuttavia pensa a quanto risparmierai in tempo, non dovendo più estrarre e inviare i tuoi ordini ai tuoi fornitori.

Cercare i giusti prodotti

Fai un favore a tutti noi e non essere il ragazzo che spedisce inutili cianfrusaglie a scopo di lucro. È essenziale acquistare e testare i prodotti che decidi di vendere sul tuo negozio in dropshipping di Shopify o Amazon prima di venderli a chiunque. Non fidarti ciecamente delle immagini inviate da un produttore. Tocca e prova fisicamente i prodotti e impara quali siano i suoi pregi e difetti per prevedere i possibili reclami prima che arrivino. Non hai tempo per i campioni? Cerca un produttore affidabile che possa fare controllo qualità sulla merce che invii.

Pagare per il marketing

Il marketing è la spesa più importante per il tuo sito Web in dropshipping. Non guadagnerai nulla se non spenderei soldi per il marketing.

Sfortunatamente, non esiste una formula facile per capire quanto hai bisogno di spendere perchè dove e come scegli di commercializzare il tuo business in dropshipping dipende interamente da cosa stai vendendo e a chi.

Ma non c’è dubbio che dovrai far conoscere il tuo negozio a centinaia di persone per avere anche solo una manciata di acquisti, quindi cerca il modo più semplice ed economico per poter continuare a commercializzare la tua attività senza rovinarti.

Il tutto dipende dalla nicchia che hai scelto e dai canali sui quali i suoi membri comunicano di più. Tieni, poi, presente che anche solo generare un buon passaparola all’interno di una nicchia specializzata può essere un ottimo metodo per vendere i tuoi prodotti.

Il miglior marketing è un buon servizio clienti

Tutti noi ricordiamo un’esperienza terribile che ha rovinato per sempre un marchio o un ristorante ai nostri occhi. Non lasciare che ciò accada al tuo business in dropshipping!

Per quanto importanti siano tutte le altre spese, è inutile gestire un negozio se non si soddisfano le esigenze dei clienti, quindi cerca sempre di offrire il miglior servizio clienti possibile e spingi i tuoi utenti a:

  •     fare domande prima di acquistare
  •     chiedere informazioni sulla spedizione e sui tempi di consegna approssimativi
  •     darti un feedback sul prodotto
  •     spiegarti perché restituiscono un prodotto.

Assicurati che la tua azienda sia finanziariamente preparata a perdere denaro per pacchetti persi, resi o danneggiati.

Registrazione delle tasse legali

Chi intende avviare una attività commerciale in dropshipping deve svolgere alcune pratiche burocratiche indispensabili:
  • Dichiarazione SCIA: in altre parole occorre informare il Comune nel quale ha la sede la nostra attività online che intendiamo esercitare l’attività di commercio online senza magazzino. Importante allegare alla pratica l’attestazione di assenza di un magazzino proprio. Uno dei vantaggi del dropshipping sta proprio nella possibilità di operare senza.
  • Apertura della partita IVA in Agenzia delle Entrate: se si esercita professionalmente e con continuità l’attività di commercio in dropshipping occorre ottenere un numero di partita IVA. Importante  è rivolgersi ad un commercialista specializzato in dropshipping.
  • Iscrizione in Camera di Commercio: sia che si scelga una ditta individuale o che si scelga una società di persone o di capitali, in ogni caso occorre iscrivere la propria azienda in camera di commercio.

Come fare soldi online con il Dropshipping: fai i tuoi calcoli

Non farti ingannare dai guru online che ti prospettano guadagni facili, per realizzare un vero business online bisogna calcolare un investimento iniziale e un lasso di tempo prima dell’arrivo dei primi ordini.

Per essere certi di poter fornire un buon servizio e prodotti di qualità, ci saranno alcune spese inevitabili:

  •     Il costo del tuo nome di dominio del tuo sito web
  •     Pagamenti mensili per un sito di hosting, come Shopify
  •     Acquisto di campioni per testare la qualità dei prodotti che stai vendendo
  •     Costi di marketing
  •     Commissioni di transazione sui pagamenti come PayPal
  •     Soldi persi sui resi dei clienti o sui pacchetti persi
  •     Le tasse

Non disperare però, come sopra descritto questi sono costi inevitabili, ma anche non eccessivamente onerosi: poche decine di euro per la creazione e gestione del tuo store, poche decine di euro per l’avvio di campagne marketing e per l’acquisto di campioni.

Chi può dire in Italia di poter aprire un’attività del tutto rispettabile con poche decine di euro di investimento?

Quindi, se hai trovato questo articolo su come fare soldi online con il dropshipping utile, controlla cos’altro abbiamo da dire sul dropshipping qui sul nostro blog

Oppure

per iniziare a vendere in dropshipping.

 

 

Summary
Come fare soldi online con il Dropshipping: ecco i calcoli da fare
Article Name
Come fare soldi online con il Dropshipping: ecco i calcoli da fare
Description
Un sacco di persone ti diranno come fare soldi online con il dropshipping, ma pochi ti diranno come calcolarne le spese nel modo giusto. Fortunatamente, ci hai trovato!
Author
Publisher Name
Yakkyofy
Publisher Logo